Sarebbe bello se appena sparecchiata la tavola delle feste i buoni propositi per l’anno nuovo fossero animati da una sola parola: Equilibrio.

Tuttavia i buoni propositi di inizio anno danno subito la misura di quanto poco equilibrato sia l’approccio a sport e nutrizione quando i sensi di colpa dei bagordi festivi premono sulla coscienza.

Anno nuovo, vita nuova: abbonamento in palestra, dieta ferrea, rigore e penitenza, diventano facilmente armi a doppio taglio destinate a lasciare un segno sul corpo e sul benessere fisico.

Raramente i risultati di sondaggi e ricerche fanno pendere la comunità scientifica verso un’approvazione di queste corse al recupero della forma fisica, ma anzi la inducono a evidenziare i limiti e i pericoli che possono alimentare.

Di seguito otto spunti di riflessione per cambiare i tuoi buoni propositi all’insegna dell’equilibrio.

  • I buoni propositi da evitare: ABBONAMENTO OPEN SALA PESI

Lo ribadiamo da sempre: I tour de force per tornare in forma, sono deleteri e pericolosi. Usare macchine isotoniche senza preparazione e senza alternare un allenamento di recupero può causare strappi muscolari, contratture, infiammazioni.

I benefici dell’esercizio fisico dipendono dalla continuità e dall’attenzione al tipo di allentamento, cerca di alternare il tuo piano di allenamento e dedica ogni seduta a una diversa fascia muscolare. Prima e dopo l’allenamento prepara la muscolatura con Eetedis Kiron. È un balsamo completamente naturale a base di artiglio del diavolo (dalle note proprietà antifiammatorie) salicilati naturali, arnica montana ed echinacea. Lenisce i problemi muscolari e articolari e dona un immediato senso di sollievo a fine allenamento.

  • I buoni propositi da evitare: A CORRERE TUTTE LE MATTINE

Se le rigide temperature stagionali non fossero un ostacolo sufficiente all’improvviso entusiasmo salutista, ricorda che, come per tutto, anche la corsa richiede gradualità.

Una preparazione atletica non buona, l’improvvisazione e una scarpa non idonea a sostenere e ad attutire le vibrazioni possono aumentare il rischio di infortuni e contratture. Una valutazione clinico-medica e la consulenza di un esperto possono aiutarti a pianificare gli allenamenti a stabilire gli strumenti e a preparare il corpo allo sforzo. Diffida, poi delle mode lanciate oltre Oceano, è facile che le promesse siano disattese e che i carichi di lavoro sempre crescenti lascino su un corpo non preparato ricordi dolorosi, difficili da dimenticare.

  • I buoni propositi da evitare: LA DIETA DISINTOSSICANTE

La befana portava il carbone a chi si era comportato male, oggi porta invece un mucchio di chili in più, la tradizione culinaria italiana, la gioia delle tavole di saluto al vecchio anno, di certo, non aiutano a mantenere la giusta forma. Hai qualche chilo in più e vuoi approfittare dell’entusiasmo di inizio anno per dar corda ai tuoi buoni propositi? Fa attenzione: la comunità medica del Milton Keynes Hospital ha aperto una vera e propria guerra alle diete detox. Pasti sostitutivi, barrette e bibite a base di erbe non sono lozioni miracolose, specie se assunte con approssimazione e senza attenzione all’origine degli ingredienti. Secondo i medici di questa comunità scientifica il concetto di “detox” è un’assurdità. “Il corpo ha un sistema ben collaudato con cui si purifica e rimuove scorie e tossine”. Le diete detox sono più un mito commerciale che una realtà nutritiva – scrivono i dietisti britannici – Molte delle loro promesse sono esagerate, non basate su dati scientifici e i benefici sono di breve durata.

  • I buoni propositi da evitare: LA DIETA SBILANCIATA

“Carboidrati addio, grassi addio, benvenute proteine” Sembra il ritornello di un disco rotto. Una dieta ipocalorica troppo spinta, l’eliminazione dei nutrienti fondamentali, oltre ad agire sugli equilibri produttivi del nostro sistema di difese, espone al rischio yo-yo. La frustrazione dovuta all’incapacità di condurre la dieta intrapresa, perché troppo rigida e restrittiva, agisce su umore, amor proprio e forza di volontà.

Una dieta equilibrata deve prevedere sempre 60% di carboidrati, un 15% di proteine e un 25% di grassi.

Occorre prestare attenzione al tipo di alimenti, prediligere grassi vegetali, come olio extra vergine d’oliva e integrare con acidi grassi non sintentizzati dal nostro organismo come gli Omega 3. Omega 3 Kiron, olio di pesce dei mari del Nord ad alta concentrazione (EPA 36% - DHA 24%) con aggiunta di vitamina E, fornisce acidi grassi ‘buoni’, che svolgono un ruolo protettivo nei confronti del cuore e dei vasi sanguigni e possono contribuire a mantenere basso il livello di colesterolo nel sangue.

 

Kiron è per l’equilibrio psico-fisico, per la vita sana, per la giusta misura, per questo sceglie elementi di prima qualità. Il segreto del benessere passa attraverso l’allenamento commisurato alle capacità di ognuno e una dieta equilibrata. Lascia che i buoni propositi prendano il sopravvento sulla tua nuova vita a inizio anno, ma affidati a professionisti per calibrare una dieta e uno sforzo proporzionali alle tue capacità. A sostenerti nello sforzo e nel recupero dallo sforzo ci sono due linee di prodotti Kiron dedicati a integrazione e fisioterapia, calibrati su un mix equilibrato di dosaggi mirati, selezione delle materie prime e formulazioni all’avanguardia, elementi semplici, ma efficaci per dare una risposta a ogni esigenza del tuo corpo.

Allenati e assapora la vita, a darti le energie e il sostegno ci pensa Kiron.