La sensazione di pesantezza agli arti inferiori si sviluppa sulla base di una predisposizione genetica di “debolezza” congenita delle pareti venose.

Gravidanze, sovrappeso, eventi traumatici sommati a una vita sedentaria e a una cattiva alimentazione possono trasformare un semplice malessere passeggero in un vero e proprio problema.

Chi ha predisposizione genetica e chi, invece, per ragioni lavorative, è costretto a trascorre diverse ore in posizioni statiche spesso ha la spiacevole compagnia di un fastidioso senso di stanchezza, di gonfiore, intorpidimento, cui si possono sommare antiestetici rigonfiamenti venosi, rigidezza degli arti, formicolii, pruriti e crampi ai polpacci.

Le donne sono le più colpite e i disturbi si intensificano a fine giornata e nei giorni che precedono il ciclo mestruale.

RIMEDIO D'URTO: GETTO D'ACQUA FREDDA SULLE CAVIGLIE, CON LAVANDA E MENTA

La rete propone migliaia di rimedi per tentare di aiutare chi soffre di questo problema, ma a meno che tu non voglia trasformare la tua casa nel laboratorio di un piccolo chimico o nella cucina di una antica villa di campagna con bende inzuppate di ogni sorta di ingrediente, puoi dare una sferzata di energia alle gambe stanche con semplici getti di acqua fredda in cui han macerato per alcune ore foglie di lavanda e menta (meglio se tritate). L'azione congiunta di queste due erbe aromatiche potenzia l'effetto rinfrescante.

UN PICCOLO CAMBIO DI ROUTINE: PASSEGGIATA SERALE E CINQUE MINUTI PER SÉ

Al bando pigrizia e sedentarietà il primo aiuto deve partire da dentro. Il primo trucco, il più importante, è riattivare la circolazione. Una passeggiata serale è un ottimo punto di partenza per ridurre i depositi di liquidi nella parte bassa del corpo. Oltre all'effetto immediato sulle gambe, l'attività, anche moderata, risveglia il metabolismo, solletica l'umore e dà un immediata sensazione di benessere. A fine passeggiata rilassati con le gambe sollevate sul cuscino per almeno dieci minuti. Ogni giorno ti accorgerai che la strada sembrerà meno lunga e il riposo sempre meno necessario.

MASSAGGI E TRITON

La tecnica di auto-massaggio ideale per drenare gambe gonfie e intorpidite è quella di effettuare movimenti circolari delle mani dalle caviglie procedendo verso l'alto con l'ausilio di prodotti drenanti.

Kiron ha studiato un prodotto professionale, con oli essenziali di limone, eucalipto, menta, cipresso e lavanda, che contribuisce ad un'azione purificante e tonificante anche a chi ha gambe indolenzite, gonfie e pesanti a causa di ristagni di liquidi plasmatici nei tessuti interstiziali.
L'immediata sensazione di freschezza e di sollievo è garantita dalla presenza di mentolo.
La formulazione è completata dall'artiglio del diavolo e dall'arnica montana che conferiscono al prodotto un'azione lenitiva ed anti-infiammatoria, e danno un'immediato senso di leggerezza e freschezza sulle tue gambe.

ATTENZIONE A COSA METTI NEL PIATTO...

La salute passa dal piatto e proprio dal piatto è meglio bandire grassi saturi (carni, insaccati, formaggi), grassi trans (prodotti industriali, margarina, prodotti di sintesi), a favore di alimenti che svolgono un'azione positiva su circolazione sanguigna e su processi depurativi.

Fragole, ribes, mirtilli, kiwi ed agrumi, ricchi di flavonoidi e di vitamina C devono trovare spazio almeno in due porzioni giornaliere. Per semplificarti la vita, tre fonti di vitamina C e mirtillo sono contenuti anche nelle compresse masticabili di Centaurus.

Sostituisci infine il sale bianco con il sale rosa himalayano: non è stato privato di sali minerali importanti per il metabolismo (magnesio, manganese, potassio) e ha un’azione drenante.

… E A COSA METTI NEL BICCHIERE

Un aiuto contro la sensazione di pesantezza e di gonfiore alle gambe può provenire dall'impiego di alcune erbe adatte alla preparazione di tisane. L'erborista consiglia fieno greco e timo per diminuire la ritenzione idrica, o menta, centella asiatica e finocchio per stimolare la circolazione.

La fitoterapia raccomanda l'assunzione anche di foglie di nocciolo essiccate, il cui infuso agisce positivamente sulla circolazione.

Contrariamente a quanto si creda l'idratazione e l'assunzione di liquidi è fondamentale per favorire il transito circolatorio e ridurre antiestetici rigonfiamenti venosi. Alleato dell'idratazione è Dioniso Kiron con un integratore equilibrato di vitamine, magnesio e potassio che dà un senso immediato di benessere e permette un riequilibrio del corpo veloce e funzionale.