I sali minerali appartengono a quella categoria di micronutrienti di cui si sente spesso parlare, ma di cui molti ancora trascurano l’importanza. Si tratta invece di sostanze a dir poco essenziali per il corretto funzionamento dell’organismo: eventuali carenze possono infatti portare all’insorgenza di diversi disturbi in grado di influire negativamente e significativamente sulla qualità della vita.

Per questa ragione, quando a causa di un’alimentazione sbilanciata o di uno stile di vita poco salutare si creano carenze, è consigliabile ricorrere al supporto di specifici integratori di sali minerali.

Che cosa sono i sali minerali e che funzione svolgono.

I Sali minerali rappresentano sostanze inorganiche, ovvero prive di carbonio organico, che svolgono un ruolo di fondamentale importanza per la vita non solo degli esseri umani, ma di ogni altro organismo vivente.

Oltre a contribuire ai processi cellulari alla base dello sviluppo di organi e tessuti, i Sali minerali partecipano anche a numerosi cicli metabolici, collaborano a regolare l’equilibrio idrosalino del corpo e consentono la produzione di energia a partire da grassi e carboidrati. È chiaro quindi come ricoprano un ruolo indispensabile nelle funzioni biologiche e di sviluppo dell’organismo.

Tra quelli presenti in maggiore quantità nel nostro corpo, e pertanto definiti macro-elementi, ricordiamo il potassio, il magnesio, il calcio, il sodio, il fosforo, lo zolfo e il cloro. Rientrano invece nella categoria dei microelementi, in quanto presenti in quantità più ridotte, ma non per questo meno importanti, il ferro, il fluoro, il selenio, lo iodio, il rame, lo zinco, il cobalto, il vanadio, il manganese e il nichel.

Come vengono assorbiti i Sali minerali?

Gli esseri umani, così come altro organismo vivente, non sono in grado di sintetizzare in autonomia alcun sale minerale: per questa ragione è necessario assimilarli attraverso l’alimentazione. Attenzione però: la quantità di Sali minerali ingeriti non corrisponde a quella effettivamente assorbita dal corpo.

Questa discrepanza, se non si è attenti a tavola, può portare a più o meno gravi carenze che richiedono il supporto di integratori di Sali minerali specifici al fine di riequilibrarne la quota presente nell’organismo.

Ci sono due buone notizie però: la prima è che, al contrario di quanto accade con altri micronutrienti, la cottura degli alimenti non influisce sulla loro dispersione o non ne causa l’alterazione; la seconda è che il loro fabbisogno giornaliero è veramente minimo. Basta quindi qualche piccola accortezza per assicurarsene il giusto apporto.

In quali alimenti si trovano?

Ricorrere all’azione benefica di integratori di Sali minerali specifici non significa trascurare le buone abitudini a tavola. Una dieta variegata e ben bilanciata è la regola numero uno quando si tratta di trattare con carenze alimentare, di qualsiasi tipo siano.

Insalate a foglia verde, patate, carote e pomodori, ad esempio, sono ricchi di potassio, latte e derivati contengono significative quantità di calcio e fosforo mentre noci e fagioli sono ricchi di magnesio.

Tutto dipende dal tipo di carenza da cui si è affetti: a seconda del sale minerale di cui si necessita un maggior apporto, è possibile intervenire combinando l’azione degli integratori a un cambiamento nelle proprie abitudini alimentari.

Per contribuire al benessere del tuo corpo e al recupero delle tue energie, Kiron ha ideato Dioniso, l’integratore energetico-salino contenente un mix di Sali minerali, vitamine e carboidrati grazie a cui riequilibrare il corpo in maniera veloce, funzionale, ma soprattutto naturale.

Prenditi cura di te: scegli l’integratore di Sali minerali Dioniso e ritrova subito un senso di benessere!