La periostite tibiale è solo la più frequente tra le periostiti; tuttavia, queste colpiscono indistintamente qualsiasi osso o più elementi dell’apparato scheletrico.

In particolare, con il termine ‘periostite’ ci si riferisce ad un’infiammazione a carico della membrana esterna dell’osso, il cosiddetto periostio. La periostite si verifica spesso a seguito di traumi, ma può essere anche conseguenza di altre particolari infiammazioni. Le conseguenze in questo caso sono generalmente di due tipi: una possibilità è rappresentata dalla formazione di una placca ossea, l’altra è una soprelevazione della superficie ossea.

In entrambi i casi, la responsabilità è da ricondursi agli osteoblasti, che normalmente provvedono alla costituzione del tessuto osseo attraverso un processo di deposizione, mentre in presenza di particolari condizioni patologiche tale processo subisce alterazioni.

La periostite tibiale si può distinguere in periostite tibiale anteriore e periostite tibiale posteriore.

Nel primo caso, il dolore è avvertito nel tratto mediale della tibia, circa dieci centimetri sopra la caviglia, mentre, nel secondo caso, il dolore viene avvertito lungo la gamba e localizzato nel retro tibiale.

Questa particolare patologia, dall’origine non sempre certa, è più frequentemente causata da postura errata o da patologie di natura traumatica. Di quest’ultima teniamo a ricordare che il trauma non è causato da scontri o urti, quanto piuttosto da un’eccessiva sollecitazione.

In ogni caso, i rimedi naturali per la periostite tibiale di Kiron sono pensati per intervenire su entrambe le categorie.

Se non sei uno sportivo, le ragioni che potrebbero aver portato alla patologia potrebbero essere da ricercare nella postura in movimento e a riposo. Se invece pratichi attività fisica, molto più probabilmente la periostite tibiale è stata provocata da una sollecitazione traumatica da ricercare nell’appoggio del piede o nell’eccesso di durata della corsa (i maratoneti, i calciatori, i cestisti e i pallavolisti sono equamente soggetti alla periostite tibiale a causa dei lunghi periodi di corsa continuativi), ma anche particolari condizioni anatomiche del piede (il piede cavo o pronato può essere responsabile della periostite tibiale).

La periostite può anche avere origine infettiva, ma per queste casistiche raccomandiamo di ricercare quanto prima un parere medico (tra le infezioni responsabili della periostite vi sono anche la Sifilide e l’Osteite).

Per i casi di natura traumatica, invece, Kiron ha pensato per te ad alcuni rimedi naturali per la periostite tibiale.

Il dolore che si può accusare in presenza di periostite tibiale si presenta come forte e acuto all’inizio dell’attività fisica, dopodiché tende ad attenuarsi, per poi ricomparire e, nei casi più gravi, permanere anche a riposo.

Successivamente alla manifestazione dolorosa, potrebbero subentrare casi di iperestesia, tumefazione o calore localizzato.

Come in molte altre patologie, anche la periostite tibiale si può differenziare in acuto o cronica. Nel caso acuto, gli episodi dolorosi sono particolarmente intensi, ma il rientro dell’infiammazione avviene in tempi contenuti, se coadiuvato.

Diverso è il caso della periostite cronica. In questo caso il dolore è meno condizionante, ma perdura nel tempo e i sintomi potrebbero aggravarsi.

Tra i rimedi naturali per la periostite tibiale pensati per te da Kiron, puoi contare su Eetedis e Argea!

Eetedis è un balsamo lenitivo pensato per muscoli contratti. Considerando che i disturbi che colpiscono il periostio sono di natura traumatica, e che spesso il trauma è di natura posturale, applicare un balsamo lenitivo che contrasti l’insorgenza di contratture e rigidità muscolari, contribuisce al placarsi dell’infiammazione a carico della superficie ossea coinvolta.

Le proprietà di questo rimedio naturale sono da associarsi alla presenza di salicilati naturali e oli essenziali: mentre i secondi concorrono al raggiungimento della zona da trattare, i primi hanno funzione antinfiammatoria e lenitiva.

Tra gli oli essenziali presenti troverai anche l’Echinacea Pallida, nota per le sue proprietà cicatrizzanti e, soprattutto, per favorire la ricostituzione dei tessuti epiteliali, che sappiamo essere centrale nel trattamento con rimedi naturali della periostite tibiale.

Per completare il trattamento con rimedi naturali della periostite tibiale, Kiron ti suggerisce gli impacchi di Argea.

Argea è argilla polverizzata e microventilata: sappiamo che i benefici dell’argilla aumentano più questa è sottile; la microventilazione, quindi, ne massimizza le proprietà, ovvero assorbenza, purificazione e ri-mineralizzazione.

Inoltre, in Argea troverai ingredienti naturali come fitoestratti di edera, fucus ed escina, i quali assicureranno un’azione sul microcircolo che favorisce il recupero da edemi o versamenti. L’Arnica Montana provvederà poi a lenire le zone infiammate e doloranti, mentre la vitamina E apporterà invece una funzione emolliente e nutritiva, in profondità.

Ti raccomandiamo di consultare sempre un medico alla prima apparizione della sintomatologia, perché sarà fondamentale riconoscere la natura dello stato patologico.

Ricordiamo inoltre, che Eetedis e Argea sono rimedi naturali per la periostite tibiale che possono essere usati in modo combinato per massimizzarne gli effetti.